una nuova amica....PM le sue iniziali ^_-

Buona domenica,
oggi voglio presentarvi una nuova amica che dall'inizio dell'anno e precisamente dal 9 gennaio mi aiuta nella panificazione.....

Di chi sto parlando?
Ma di LEI della  PASTA MADRE!!! 

E' da diverso tempo che volevo cominciare questa avventura, ma per una cosa e per l'altra non mi ero mai decisa, in particolare avevo un timore reverenziale nei suo confronti.

Mi sono documentata, soprattutto navigando nel web, e ho trovato varie correnti di pensiero, spesso anche contrastanti, ossia   ho letto di procedimenti che solo un chimico era in grado di eseguire e procedimenti che poteva realizzarli anche un bambino di 5 anni.

Come potete immaginare sono andata in confusione...quale via prendere?

Non essendo laureata in chimica e avendo più  5 anni, l'unica via percorribile era quella di mezzo, ossia  un procedimento fattibile, ma non superficiale, composto dalle varie nozioni lette qua e là e con attenzione, pazienza e voglia di proseguire.

Per questo non posso indicare la fonte esatta della mia Pasta madre, ma è un insieme di forum, blog e siti che ho letto e spulciato, trovando le informazioni che mi erano utili in quel momento.
Posso dirvi che sono partita da qui, ma credetemi, il viaggio è stato lungo, e non è ancora finito ^_-

Cosa mi ha spinto dopo tanto pensare ad agire?

Ehehe.....ad inizio anno, come di prassi  ^_-, ho percorso mentalmente i miei propositi, anche quelli rimandati di anno in anno e mi è venuta voglia di provare, avendo anche a disposizione una settimana di ferie ^_-.

E così, ecco come ho conosciuto, non solo virtualmente,  la mia nuova amica.

Ve la presento ^_-



PASTA MADRE


Ingredienti:

200 gr di farina (io ho usato 100 gr di farina manitoba e 100 gr di farina 00)
100 ml di acqua tiepida
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di miele (avevo quello di castagno)

Procedimento:

In una terrina riunire tutti gli ingredienti, aggiungendo l'acqua un po' alla volta fino ad ottenere un impasto molto morbido e appiccicoso. Mettere l'impasto in un contenitore o barattolo di vetro precedentemente unto con un filo di olio.
Fare un taglio a croce sulla superficie dell'impasto e coprire il contenitore con la pellicola trasparente o con un coperchio.
L'impasto va lasciato riposare per circa 48 ore in un luogo tiepido, la temperatura ideale è di 20-25 °C.
Per favorire la sua fermentazione potete collocarla vicino a della frutta ben matura.


Impasto dopo 15 ore
Passate le prime 48 ore si deve eseguire il primo rinfresco.
Ossia va rimpastato il composto che è di 300 gr togliendone circa 100 gr e aggiungendo 200 gr di farina (io ho sempre rinfrescato usando 100 gr di farina 00 e 100 gr di farina manitoba) e 100 gr di acqua tiepida.
Formare una nuova palla, che sarà ancora molto appiccicosa, segnare sulla parte superiore con una croce e rimetterla nel vaso unto d'olio (se usate come me il solito va lavato bene e asciugato).


In tarda mattinata dopo il primo rinfresco


Trascorse altre 24 ore va fatto il secondo rinfresco sempre togliendo una parte di pasta acida (in genere 100 gr) e aggiungendo farina pari al doppio della quantità di pasta madre che rimane e acqua tiepida pari alla metà della farina aggiunta.

Si continua con questo procedimento diminuendo mano a mano le ore tra un rinfresco e l'altro, si passa a 12, poi a 8 e poi a 3 ore.
Sui tempi non c'è una regola fissa, ossia si deve procedere al rinfresco quando l'impasto ha raddoppiato il proprio volume. Via, via il tempo necessario andrà a ridursi.

Generlamente dopo una decina di rinfreschi la pasta madre è pronta.
Si dice che è utilizzabile quando raddoppia di volume in circa 3 ore e il taglio a croce prende la forma di un fiore.

Per i rimpasti ho usato per comodità il Ken, inizialmente solo con la foglia, poi col gancio.

Dopo il secondo rinfresco effettuato a 24 ore dal primo, ho rischiato di perdere la mia amica appena nata. Per fortuna, non mi sono data per vinta e prima di buttare il tutto ho provato a rimpastare la pasta aggiungendo un cucchiaino di miele e un po' di succo di pera, come avevo letto

Ho atteso altre 12 ore e la pasta ha ripreso vita.^_^

Credo che questo improvviso arresto di vitalità fosse dovuto al fatto che non l'avevo impastata bene...è molto esigente questa nonata ^_-


Pasta dopo 6 rinfreschi

 Ecco altre trasformazioni.....


Pasta dopo il rinfresco dopo 8 ore



Penultimo rinfresco



Penultimo rinfresco dopo 3 ore

 

PASTA MADRE pronta
 
Una volta pronta, ho preparato il primo pane e la restante parte l'ho messa in frigo in un recipiente in vetro con coperchio.

Se conservata a temperatura ambiente va rinfrescata ogni 2/3 giorni.

Se conservata in frigo va rinfrescata ogni 5/6 giorni.

La mia pasta madre è molto giovane, direi appena nata, ma è molto arzilla!!!

Nonostante la sua giovane età ho preparato già due volte il pane cotto nel forno elettrico e uno cotto nella MDP....ha tempi di lievitazione più lunghi e sto imparando...presto ve li mostrerò.

Questo è stato il mio percorso...simile a molti altri, credo che non ci sia una regola assoluta, ma un insieme di principi validi che vengono influenzati dagli ingredienti variabili utilizzati (il tipo di farina, il tipo di acqua,  il tempo a disposizione, ecc....) inoltre....

...alcuni suggerimenti:

- La temperatura dell'ambiente è molto importante, durante la notte la avvolgevo in una morbida e calda copertina rossa in pile....insieme a mele e mandarini maturi ^_-

- Non vi scoraggiate se perde vitaltà...aggiungete un cucchiaino di miele o succo di pera (frutta) per favorire la fermentazione e aspettate...non buttatela via!!!

- E' molto, molto, molto appiccicosa....nelle prime fasi, e in misura minore successivamente, troverete pasta acida ovunque!! Vi consiglio di bagnarvi le mani prima di maneggiarla.

...che spero possano essere utili, a chi come me, si avvicina in punta di piedi a questo nuovo mondo.

Non ho inserito le foto di tutte le sue fasi; mi manca del tutto quella a tempo zero,  non ci ho pensato :O e le altre perchè di solito si svolgevano o alla sera o al mattino presto e come potete vedere dalla qualità delle foto pubblicate, alcune erano inguardabili ^_^

Perchè panificare con la pasta madre?

Be' per la mia piccolissima esperienza, direi... perchè dà al pane un sapore migliore, d'altri tempi,  un profumo intenso e si conserva più a lungo. Inoltre dicono che sia più digeribile.

Mi fermo qui....prossimamente su questi schermi, ops volevo dire blog ^_- vedrete il pane ottenuto con il suo formidabile aiuto ^_^

Commenti

  1. Bellissima !!è tutto più buono con la PM bravissima!!
    Buona serata Anna

    RispondiElimina
  2. Ciao cara!! Davvero meravigliosa, complimenti non è una cosa semplice da fare. Io ho provato un paio di volte con un altro procedimento ma non mi è mai venuta come la tua!! Bravissima!! Mi segno il tuo procedimento!! Un bacione.

    RispondiElimina
  3. caspita che meraviglia!! complimentoni caraa!!io non ci ho ancora provato :(

    RispondiElimina
  4. Anch'io ci penso da un po' di tempo ma non ho ancora avuto il coraggio di prepararla.Bravissima! Ciao Gisella

    RispondiElimina
  5. anche mia mamma usava fare la pasta madre e ci faceva delle pagnotte di pane davvero eccezionale e resistende nella sua morbidezza...
    una coisa ti chiedo e di cui sono molto curiosa...perchè mettere la frutta matura quando e in fase di lievitazione..?
    baci lia

    RispondiElimina
  6. Meraviglioso....la tua PM e buonissima.....per il pane perfetto.....Abrazotes, Marcela

    RispondiElimina
  7. Cara Puffi mi sto incuriosendo molto, non ho mai fatto la pasta madre, mi hai quasi convinta, però ho una domanda ma se non la consumi per, esempio, due settimane che succede????, aspetto le tue creazioni, in particolare la pizza, se anche quella mi convince, la faccio, grazie.

    RispondiElimina
  8. è davvero bella, mi ha sempre interessato questo procedimento, ma per qualcuno che non è mai sicuro di quando cambierà di paese...non è una buona scelta...sai che dolore dovermene separare poi.
    :)

    complimenti!!!

    RispondiElimina
  9. Complimenti per la tua pazienza...io non ce la farei!!!! :))

    RispondiElimina
  10. ma sai che ho da sempre paura a farla?per paura di rovinarla non utilizzandola..ma mi sa che prima o poi me la faccio amica..brava ben riuscita la tua..buona serata e baci

    RispondiElimina
  11. Un post più utile e meglio spiegato non lo potevo trovare ^_^ grazie da chi come me non l'ha mai fatta :)

    RispondiElimina
  12. tu sei stata bravissima! io non ho il coraggio di farla, non avrei tempo per rinfrescarla!
    ti ammiro tantissimo!
    un abbraccio, Roby

    RispondiElimina
  13. Una descrizione perfetta! Peccato mi manchi il coraggio.

    RispondiElimina
  14. Mamma mia che spettacolo tesoro, complimenti davvero. Io ci ho provato più volte ma non ci sono mai riuscita a tirarla a lungo. Credo proprio di non essere tagliata per la PM. Un bacione e...buona panificazione :)

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia! Sapere che è una cosa viva è un'emozione! Io non sono ancora pronta! Forse non lo sarò mai...Bravissima
    Buona serata

    RispondiElimina
  16. @ ranapazza65 : grazie!! buona serata

    @ Manuela : grazie! Io ho provato solo qs procedimento e mi sono trovata bene. baci

    @ Nel cuore dei sapori : provaci!! baci

    @ Gisella : ti capisco, perchè ci sono passata, basta cominicare e poi si prende il via!!


    @ ஃPROVARE PER GUSTAREஃ di ஜиαтαℓια e ριиαஓ : se non ho capito male la frutta matura aiuta il processo di fermentazione dei lieiviti e batteri spontanei alla base della nascita e la vita della pasta madre. baci

    @ foodtravelandwine : grazie!!! bacioni

    @ Fabiola : quando non la consumi, la devi cmq rinfrescare ossia rimpastare con farina ed acqua almeno 1 volta a settimana. Ancora non ho rpovato la pizza, ma non vedo l'ora...:) baci

    @ Eleonora :vero, io mi ci sono già affezionata...la mia bimba dice che la coccolo ;)
    capisco, però potresti congelarla....è una possibilità:) bacioni

    @ lafamevienmangiando : è più impegnativo scriverlo che farlo, ci vuole solo del tempo...baci

    @ Scarlett: sila devi provare, vedrai che la utilizzerai, e il rinfresco previsto almeno una volta a settimana lo farai più spesso proprio perchè troverai molti modi per utilizzarla.
    baci

    @ Erica : grazie a te!! sono contenta di esserti stata utile, a presto :)


    @ Roberta : grazie, la prima settimana è stata impegnativa per via dei rinfreschi ravvicinati. IInfatti ero in ferie ;) Penso che poi farlo almeno una volta a settimana sia molto meno impegnativo:)
    baciii


    @ Elena : dai, provaci e vedrai che risultati!!!

    @ Federica: grazie! io sono solo all'inizio e non so come andrà a finire, ma ora sono proprio contenta di aver cominciato!! baciii

    @ Marcella : è vero è una cosa viva e va anche coccolata ;)...baciii

    RispondiElimina
  17. La tua nuova amica è meravigliosa!! Anche la mia è nata da poco, ma spero che duri, nel tempo!! Io avrei una domanda , alla quale ancora non ho trovato alcuna risposta, qual è la quantità di PM che si deve utilizzare nell'impasto per la panificazione. Io fino ad ora sono andata a caso!!:D

    RispondiElimina
  18. al momento,col pupo piccolo, troppo impegnativa per me :)

    RispondiElimina
  19. Mi hai quasi convinta a provare..certo deve essere una soddisafazione !!!! Complimenti !

    RispondiElimina
  20. Brava Puffin!!!!
    E ciao Pasta Madre!!

    Io sono terrorizzata di provare... è come custodire un piccolo tesoro! E se sbagliassi qualcosa!? Seguirò la tua avventura con lei, sperando che mi venga il coraggio... ^^

    Un bacione, e complimenti!!

    Babi

    RispondiElimina
  21. Ogni volta che leggo un post sulla PM mi viene voglia di provare a farla.. ma mi sembra sempre così complicato! Rinfreschi così frequenti, attenzione ai tempi di riposo, tanta farina da buttare.. mah, non sono ancora del tutto convinta.. anche perchè sono quasi sicura che la farei morire subito!
    Bravissima tu che l'hai anche resuscitata!!

    RispondiElimina
  22. Il fatto di doverla rinfrescare ogni 5-6 giorni se conservata in frigorifero non è poi cosa così pesante, sinceramente pensavamo che andasse fatto più spesso, cosa che ci frenava un po' dal provare anche noi, ma penso che ci decideremo finalmente, anche noi rinviamo sempre perchè abbiamo mille timori, ma sappiamo bene quali vantaggi ci sono ad avere questa amica!
    Baciotti e buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  23. Noi non abbiamo provato ancora a farla! Tu sei stata bravissima e coraggiosa!!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao! In bocca la lupo per la tua pasta madre, noi l'abbimao avuta ben due volte, ma purtroppo nn c'è durata, sebbene Manuela le avesse perfino dato un nome(!!!).
    aspettiamo le tue creazioni!
    baci baci

    RispondiElimina
  25. Cara Puffin tu sei davvero molto brava. Per me è una cosa troppo complicata, non ce la potrei fare, troppe attenzioni, troppe cure, troppi passaggi, troppo tempo :D Vabbè, non serve che continui, però ho veramente molta ammirazione per chi la "alleva" :)
    E c'è chi ha paura della pasta sfoglia! Ma è nulla al confronto.
    Bravissima, ti faccio tantissimi complimenti...
    Chissà quanto è buono il tuo pane !
    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Complimenti per questa nuova amica...vedrai non ti deluderà, avrai solo delle grandi soddisfazioni!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  27. devo assolutamente vincere la paura e provare.. tu sei stata MITICA!!!!! un bacio

    RispondiElimina
  28. Ho una sorta di terrore reverenziale verso la pm ma complimenti a te tesoro perche vedo che il nuovo figlio cresce che è un amore e fosse la volta buona che seguendo i tuoi consigli riesca a provarci anch'io??ti farò apere:D,bacioni imma

    RispondiElimina
  29. Brava Puff...io non ho ancora preso coraggio!!!In bocca al lupo per questa avventura!!Smack!!

    RispondiElimina
  30. Bravissima cara Puffin! E' una grande soddisfazione non è vero? Buona panificazione e bacioni

    RispondiElimina
  31. @ Giusy : ciao!!! Io ho trovato come regola generale di utilizzare 1/3 di pasta madre sul totale di farina impiegtata, ad es. l’ultimo pane che ho fatto ho impastato 200 gr di pm con 600 gr di farina. Ho letto anche che mano a mano che la pm “invecchia” si può ridurre la sua quantità…mah vedremo . Per l’acqua come ti regoli? Io ne ho messo circa 250ml. A presto

    @ Mirtilla : eheeh…capisco benissimo, hai già una piccola creatura esigente da accudire :D

    @ Rossella : si è una bella soddisfazione! baci

    @ barbara : grazie, bacioni :D

    @ Yaya : grazie!!! Ora che l’ho provato ti posso dire che è meno complicato di quel che sembra, però capisco che sia comunque un impegno e come tale va affrontato e bisogna essere pronti….bacioniii

    @ Luca and Sabrina : il rinfresco va fatto più spesso se lasciata a temperatura ambiente. Provate e poi ditemi se non è meravigliosa :D

    @ Alda e Mariella : grazieee

    @ Manuela e Silvia : mi spiace molto, spero che la mia possa durare, mi ci sono già affezionata :D bacioniii

    @viola : ciao cara, tutto relativo, te temi la pasta madre ed io non ho mai affrontato, sempre per timore la pasta sfoglia, ognuno di noi ha i propri spauracchi! bacioni

    @ letizia : speriamo, devo solo imparare a conoscerla bene e a non abbandonarla :D

    @ Fabiana : grazie!!!! :D

    @ dolci a ...gogo!!! : grazie cara!! Bacioni :D

    @ Ambra : crepi!! ;) baci

    @ Ornella : si una bella soddisfazione!!! baci


    Buona settimana :X

    RispondiElimina
  32. Che risate puffetta cara!!! in compenso la tua pasta madre ha proprio un bell'aspetto!!!

    RispondiElimina
  33. Mamma mia come crescono a vista d'occhio ste creature!! :>
    Prima o poi mi deciderò anche io e penso che i tuoi consigli mi saranno utilissimi...
    Aspettiamo meraviglie, ora... :)

    RispondiElimina
  34. Brava puffin!
    Il mio lievitino ciccino è in frigo, è giovincello diciamo, ha quasi 5 mesi, ma gli do da mangiare continuamente!:D
    la tua è davvero bellissima!
    Vedremo presto cosa ci farai vedere!
    :D

    RispondiElimina
  35. @Giulia pignatelli : grazie :D

    @ ( parentesiculinaria ) : ehehe...è vero crescono velocemente :)....ora proprio meraviglie non sono, ma hanno un buon sapore ;)bacioni

    @Cranberry : grazie e un saluto al piccino ;)

    RispondiElimina
  36. Sto pensando anch'io di provarci, ma ho paura che sia troppo impegnativo!!!! Intanto seguirò con attenzione la crescita della tua piccola, visto che sei così brava a spiegarla passo a passo!!!
    Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  37. Ho letto tutto mi decido e ti seguo ...la faccio anch'io , ciao

    RispondiElimina
  38. @ Laura: spriamo tutto prosegua bene...baci :D

    @ Stefania: bravissima!! vedrai non te ne pentirai!! :)

    RispondiElimina
  39. Ciao... e' da poco che ti conosco e ho provato a fare anch'io la pasta madre.
    L'ho iniziata il 28 gennaio guardando il tuo resoconto, era spiegato benissimo e mi sono subito cimentata a farla, ho anche cominciato a fare il pane ,pero' ho due problemi e non mi riesce di risolverli il primo e' che il pane e' pesante.
    Il secondo e' che prende il sapore da acido.
    mi potresti aiutare?
    Non ho fatto altri esperimenti per il momento anche se ogni quattro o cinque giorni la rinfresco perché' non la metto in frigo per adesso.

    RispondiElimina
  40. Ciao!! Non sono nemmeno io un'esperta :)
    Cosa intendi per pane pesante?
    Ma se lo tieni fuori dal frigo non è troppo tempo aspettare per il rinfresco ogni 4/5 giorni? Se la tieni a temperatura ambiente va rinfrescata ogni 2/3 giorni!!
    Pr il sapore acido, posso solo drti che ho letto che diminuisce mano a mano che viene rinfrescata...prova a fare qualche rinfresco a vuoto e poi a fare il pane.
    Purtroppo il mio aiuto è minimo...fammi sapere, a presto, e se ti firmi è più facile per me ricordarti!
    :)

    RispondiElimina
  41. Ciao.. scusami hai ragione mi chiamo Silvia non mi sono neanche presentata... che sbadata.
    Intendo dire che quando lo tiro fuori dal forno il pane pesa il doppio di quello normale.Forse perche' inizio la lievitazione la sera prima?
    Ma poi anche se lo faccio lievitare dal mattino e' sempre un po' piu' pesante del normale una volta cotto.
    Provero' a fare piu' rinfreschi a vuoto prima di panificare.....
    Grazie del consiglio.

    RispondiElimina
  42. ciao Silvia,non so come mai il pane ti rimane pesante, a me non succede anche se comincio la lievitazione la sera prima.

    Io ad es. non riesco a trovare ancora una dose per la MDP, mi viene buono solo nel forno.
    Mi spice di non esserti stata di grande aiuto
    Fammni sapere come procede..:)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  43. ciao ,anche io sto facendo la PM.....che faticaaaaaaaa!!!!ti seguo con piacere....
    se ti va una fetta di torta passa a trovarmi:www.ladolceilaria.blogspot.com

    RispondiElimina
  44. non avevo visto questo post prima...ho appena iniziato questa avventura e oggi saro' al secondo rinfresco...il sistema e' molto simile al tuo cambiano un i pesi di acqua e farina...spero di riuscirci...il tuo risultato e' molto bello brava!

    RispondiElimina
  45. @nonna papera: vedrai che ti troverai benissimo con la pasta madre....io ora ho dovuto sospendere e l'ho congelata, appena calano le temperature mi rimetterò anch'io a rinfrecare ;)
    baci e fammi sapere come procede :)

    RispondiElimina
  46. @Ilaria: spero che proceda tutto per il meglio...un bacio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia una traccia del tuo passaggio, mi fa piacere leggere il tuo pensiero....
GRAZIE! :)

Anche se non sempre rispondo subito, leggo sempre con molto piacere tutti i vostri commenti :)

Causa numero eccessivo di commenti ANONIMI (SPAM) sono stata costretta a riservare la possibilità di commentare solo gli utenti registrati.