Guest post : Tecnologia e creatività ai fornelli di Gloria Lorenzi.


Quando ci mettiamo ai fornelli, noi donne italiane contiamo sull’esperienza secolare di generazioni di madri che hanno saputo tramandare un sapere che è cultura, benessere quotidiano, attitudine alla vita. Data la nostra storia secolare, le ricette tramandano le varie esigenze che sono nate nel corso degli anni: dal combattere la fame, al riutilizzare in senso economico gli avanzi dei pasti del giorno prima; dallo stupire l’ospite, al riempire lo stomaco di una famiglia numerosa. Tutto questo, e molto altro, fa parte del bagaglio, direi atavico, di una qualsiasi cuoca italiana (e anche cuoco, certamente): oserei dire che ce l’abbiamo nel sangue, e a volte in modo del tutto inconsapevole. 

Negli ultimi tempi, però, per ragioni che non voglio affrontare in questo breve contributo, questo legame atavico si è andato perdendo, e poi abbiamo dovuto fare i conti anche noi con la globalizzazione, e allora ci siamo poste le nuove domande: come si stufano i Jiaozi ? Sul Kebab ci va la maionese ? Come si arrotola il Makizushi?

Quante nuove sfide dobbiamo affrontare ogni giorno, e quanto poco tempo ci rimane a disposizione!

Per fortuna, abbiamo sempre Internet che ci dà una mano... Sono presenti siti praticamente per tutti i gusti; i social network come Facecook (si proprio Facecook, non sbagliatevi con il quasi omonimo), oppure portali specializzati come Giallo Zafferano, PetitChef, o più sbarazzini come i siti di Benedetta Parodi o La Prova del Cuoco.

Ma non abbiamo solo tanti nuovi contenuti a portata di mano per aiutarci ad essere più brave tra i fornelli: ora ci sono anche nuovi mezzi, molti davvero portatili, come gli smartphone, oppure come i tablet, in particolare i tablet android che uniscono alla comodità anche uno schermo sufficientemente grande da permetterci di fare gli opportuni raffronti con i nostri manicaretti (ho messo troppo zucchero a velo sulla torta di zucca e amaretti?). Il tomo dedicato alle torte salate, piuttosto che al pesce azzurro, lasciamolo in bella mostra tra gli scaffali delle nostre librerie: ora potremo avere una risposta praticamente in tempo reale a tutti i nostri dubbi culinari.

Non solo, potremo anche toglierci altre curiosità come, per esempio, se quel pagello in offerta dal nostro pescivendolo era davvero un’occasione, o se quella verdura è davvero di stagione oppure no.

Che soddisfazione, sfornati i nostri calzoncini agli spinaci e brie, inviare a vostra suocera la corretta doratura e l’aspetto delizioso della crosticina, oppure ingolosire vostro marito dall’ufficio spedendogli via e-mail la foto di un amorevole pollo e patate al forno che lo aspetta per la meritata cena.

Poi potremmo anche creare un nostro personale ricettario personale, conservarlo sul tablet, ed eventualmente, se il risultato ci soddisfa, metterlo a disposizione anche di altre nostre amiche diventando blogger, o contribuendo ad un blog già attivo.

Unica precauzione, vista la creatività di alcuni: non tagliate il ripiano di cucina per inserire il tablet al suo interno, vostro marito potrebbe non essere così entusiasta… 

Esistono delle custodie, analoghe a quelle adoperate per rendere subacquea una macchina fotografica, che renderanno il vostro dispositivo quasi indistruttibile e a prova di qualsiasi mezzaluna vagante.

Un grazie particolare a Rosita per lo spazio dedicatomi sul suo blog.

Autrice:
Originaria di Venezia, Gloria Lorenzi è una studentessa di Giornalismo e Mass Media alla Westminster University di Londra. Da sempre appassionata di tecnologia e con una spiccata attitudine per le lingue straniere, ha scelto il Regno Unito per perseguire il suo sogno di diventare giornalista.

Commenti

Posta un commento

Lascia una traccia del tuo passaggio, mi fa piacere leggere il tuo pensiero....
GRAZIE! :)

Anche se non sempre rispondo subito, leggo sempre con molto piacere tutti i vostri commenti :)

Causa numero eccessivo di commenti ANONIMI (SPAM) sono stata costretta a riservare la possibilità di commentare solo gli utenti registrati.